cogito, opinioniFilm

cogito

Se vi va di andare al cinema accettate un consiglio e andate a vedere “Qualcosa di buono”. Io l’ho scelto così, un po’ per caso, ma ne è valsa davvero la pena.

Il film racconta la storia di una giovane e bella pianista. Una donna serena, con un marito innamorato, amici, affetti consolidati. Una donna felice, insomma, a cui viene diagnosticata la Sla. Da un giorno all’altro, ché queste cose non si annunciano con i trombettieri.

Non starò qui a ‘spoilerare’ sviluppi e soprattutto finale del film, ma la storia di questa donna (una straordinaria Hilary Swank) e della ragazza che si prenderà cura di lei, una scapestrata senza arte né parte che per la prima volta nella vita fa ‘qualcosa di buono’, vi avvilupperà in un crescendo emotivo.

In questo film c’è tutto: l’amicizia, l’amore, il dolore, la rabbia, l’orgoglio.

Ma trionfa su tutto il potere della libertà.

Provate a vederlo. E provate a non piangere, se ci riuscite.